San Michele Salentino

  • Data di ultima modifica: 03.07.19
Festa del Santo patrono San Michele Salentino

Piazza Marconi è il nucleo originario di San Michele Salentino, una volta sede dell’aia prospiciente “Massaria Nova”, come veniva chiamato il luogo dagli abitanti delle campagne circostanti. Le emergenze culturali appartenenti al patrimonio locale sono concentrate nella zona rurale circostante il comune. Uno degli elementi più interessanti è l’ex masseria San Giacomo, dove è ben tenuta una delle più belle chiese rupestri del luogo e dove è possibile visitare un frantoio oleario. Degna di attenzione è Santa Maria della Grottella, profondamente legata alla tradizione del monachesimo pugliese. La Grotta Augelluzzi, con ritrovamenti dell’epoca di Neanderthal, è testimone del precoce popolamento della zona di San Michele. La sua prossimità al Lamone, grosso canalone scavato dal deflusso millenario di acqua piovana, rivela anche la tipica morfologia di un territorio prettamente carsico e il rapporto proficuo che da esso ha tratto l’uomo nella sua evoluzione dalla preistoria sino ai giorni nostri.

X
Torna su